in

Teenager e il cyber bullismo

Moltissimi teenager sono iscritti a social network ma non li usano come tali, ovvero per condividere gli status, le foto ed i momenti più belli con i propri amici ma li usano per maltrattando i loro “amici”, compiendo atti di cyber bullismo, oppure condividendo foto osé, compiendo il cosiddetto sexting, i dati parlano chiaro. Soltanto il 10% dei giovani internauti si connette per studiare, il 14% ammette di aver incontrato persone di aver conosciuto su internet e 6 ragazzi su 10 invece praticano il sexting (come citato sopra), il web e i social network sono un arma a doppio taglio. Ecco un approfondimenti sui teenager e il cyber bullismo

Cyberbullismo: bullizzato un adolescente su cinque

I dati sono preoccupanti, basti solo leggere che 1 persona su 5 circa viene bersagliata su internet. I motivi principali per cui si viene presi di mira sono l’immagine fisica, la timidezza, l’orientamento sessuale e la disabilità, 2 ragazzi su 5 sono vittime di bullismo, ed i luoghi principali dove si subisce il bullismo son la scuola e il parco vicino casa. Il 67 % delle vittime reagisce isolandosi, il 33% non cerca aiuto, il 31% cerca aiuto dagli adulti, il 28% lascia passare del tempo e il 9% subiscono conseguenze negative. Le conseguenze del cyber bullismo sono il timore delle conseguenze, l’isolamento e la depressione.

Molti ragazzi per risolvere questi problemi vogliono degli incontri di prevenzione con gli altri giovani, degli incontri con i genitori e una maggiore sensibilizzazione degli insegnanti.

L’anonimato che ferisce di nascosto

Altri giovani reagiscono ancora peggio, arrivando al suicidio, un caso recente è quello di una 14enne di Cittadella, la colpa della ragazza è stata solo quella di iscriversi ad un nuovo social network, nato nel 2009 in Lettonia.

Questo social network è il nuovo gigante ask.fm, di cui abbiamo già parlato qui.

Molti pensano che la soluzione per i vari suicidi sarebbe quella di chiudere ask, ma allora perché non chiudere Facebook e Twitter, infatti il problema non è mica nato nel 2009, per risolvere il problema bisognerebbe far capire agli adolescenti, ma anche agli adulti e alle nuove generazioni, l’uguaglianza sociale, indipendentemente dal colore della pelle, della statura fisica, e dalle idee sessuali, di una persona chiunque essa sia.

Il Cyberbullismo si combatte (anche) denunciandolo!

Ricorda, che il cyberbullismo è un reato, se ne sei stato vittima o conosci qualcuno che lo è stato, ti consiglio di contattare la sezione più vicina della Polizia Postale. Puoi anche fare la tua denuncia online, andando qui.

Segnala

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...