in

Fibra Ottica: ora possiamo navigare alla velocità della luce

Un tempo conosciuta solo nelle grandi metropoli italiane ed internazionali la Fibra Ottica promette grandi velocità anche sulle lunghe distanze. Ora, nel 2020, siamo quasi pronti a vederla in tutte le nostre case. Entro qualche anno, grazie a delle politiche innovative, potremmo vedere tutta la nazione connessa con questa tecnologia.

Scopriamo subito quali sono i vantaggi e tutte le curiosità sulla fibra ottica.

Indice

Cos’è la Fibra Ottica?

Se oggi sei a casa, come me, a vedere un film su Netflix in 4K sul divano, mentre il computer in camera si prepara a scaricare il nuovo aggiornamento di Windows 10 forse stai utilizzando una connessione in fibra ottica.

La Fibra Ottica fisicamente è un materiale, si tratta di un piccolissimo “tubo” fatto di filamenti vetrosi o polimerici in grado di condurre la luce al suo interno.

In realtà poi il tubo non è uno ma si tratta di più fibre ottiche e quindi di tantissimi tubicini da inserire poi in una singola connessione da realizzare in questo modo.

Questo tipo di connessione permette di surclassare ciò che era possibile fare con la vecchia ADSL in rame e promette di raggiungere velocità fino a qualche tempo fa impensabili. Al momento, in Italia, per i privati vengono commercializzate offerte con velocità massima pari a 1gbps. Esatto 1000mbps contro i 20 teorici della ADSL.

Esatto, si tratta di un incremento del 5000%.

Se sei rimasto sbalordito allora potresti trovare interessante questo articolo sul 5G che abbiamo preparato per te. La rete mobile del futuro va 10gbps, contro gli attuali 4gps del 4G.

Piccolo spoiler di cui parleremo dopo: quando ci vendono una connessione in fibra ottica non sempre vedremo la fibra fino in casa.

Cosa Cambia? ADSL vs VDSL

Per vivere in un mondo interconnesso la fame di dati si fa sempre più grande, per saziare questo bisogno abbiamo potenziato negli anni gli accessi alla rete aumentando la banda a disposizione degli utenti.

Il processo di accesso a internet è aumentato di molto negli ultimi decenni, siamo passati dalla connessione su linea telefonica (dialup) a 256kb, ad una connessione a centrale, la cosiddetta 7mb, per arrivare a connessioni più rapide come la 20mb e per infine passare al digitale, la banda ultra larga, la fibra ottica, che porta l’esperienza di navigazione dell’utente a nuovi livelli, tempo addietro inimmaginabili.

Queste connessioni sono rese possibili da protocolli di rete XDSL, riassunti in questo elenco:

  • ADSL
  • ADSL2
  • ADSL2+
  • VDSL
  • VDSL2
  • EVDSL

La più grande differenza dopo la banda a disposizione è che mentre gli standard ADSLx sono su base analogica, gli stardand VDSLx sono su base digitale.

I vantaggi per la tecnologia VDSL è una maggiore stabilità e velocità, la pecca che il protocollo non è stato in grado di gestire è il degrado del segnale con i chilometri dalla centrale, la soluzione in parte c’è stata quando si è pensato di interporre tra cliente e provider degli armadi di rete che ripetono il segnale consentendo ora una maggiore banda anche ai clienti più lontani.

Quanti tipi di fibra esistono?

La fibra ottica è una sola, lo stesso non si può dire per l’infrastruttura di rete, che può differenziarsi in base alla disponibilità della fibra stessa sulla piattaforma, i protocolli fttx si suddividono in:

  • FTTN, la fibra arriva al nodo
  • FTTC, la fibra arriva all’armadio più vicino
  • FTTS, la fibra arriva alla fine della via
  • FTTE, la fibra arriva all’armadio ripartilinea presente nella centrale, l’utente è servito in rete rigida e quindi dall’armadio dentro la centrale stessa.
  • FTTH/FTTB, la fibra arriva alla casa dell’utente.
  • FWA, la fibra arriva all’ “antenna” radio che trasmette poi il segnale ad un particolare ricevitore che poi lo distribuirò ai vari utenti locali
svg+xml;charset=utf

Inutile dire che vicinanza della fibra e velocità sono direttamente proporzionali, nel caso della rete FWA è importante anche che non ci siano ostacoli o altri disturbi di segnale tra l’antenna emittente e il ricevitore vicino agli utenti della zona.

In concreto la fibra…

Tempo di Download

Potremo scaricare:

  • Brano Musicale (4mb):
    • ADSL 5MB: 6,7
    • ADSL 10MB: 3,4 secondi
    • ADSL 20MB: 1,7 secondi
    • FIBRA 100MB: 0,3 secondi
  • Video di 5 minuti (30mb):
    • ADSL 5MB: 50,3 secondi
    • ADSL 10MB: 25,2 secondi
    • ADSL 20MB: 8,4 secondi
    • FIBRA 100MB: 2,5 secondi
  • Film in HD (5gb):
    • ADSL 5MB: 2,4 ore
    • ADSL 10MB: 1,2 ore
    • ADSL 20MB: 35,8 minuti
    • FIBRA 100MB: 7,2 minuti

Negli esempi ti ho fatto un esempio di Fibra che arriva in condizioni ottimali a 100mbps (megabit per secondo), se vuoi fare il calcolo di download effettivo anche tu devi fare la conversione da bit a byte (8:1). Così otterrai la velocità di download in condizioni ottimali (100mbps = 12.5 megabyte al secondo), poi devi considerare che le connessioni non avvengono mai in connessioni ottimali per i motivi più disparati tra cui una tutela della larghezza di banda di chi ti offre servizi web su internet (un servizio che permette il download di file di grosse dimensioni può limitare la velocità di download per rendere disponibile il servizio anche agli altri utenti).

Profili 17a e 35b

Aggiungiamo per correttezza di informazione che la Fibra, come l’ADSL, è classificabile in alcuni profili di configurazione. Quando vediamo un piano che ci promette 100mbps in download e 20 in upload parliamo di profilo 17a, se invece in download abbiamo 200mbps in download e 20 in upload parliamo del profilo 35b che ha bisogno di modem e armadi ripartilinea compatibili.

Il Vectoring che ancora non c’è

Il Vectoring potrebbe salvare un bel po’ di persone dall’esaurimento nervoso: di solito le reti non completamente in fibra con il tempo degenerano – anche del 50%. a causa del “rumore” dovuto all’interferenza elettromagnetica dei cavi che ci trovano a stretto contatto, questo fenomeno è detto diafonia e può essere corretto proprio tramite il vectoring.

Per risolvere il problema si usa proprio il Vectoring, ovvero un metodo di cancellazione attiva del rumore in grado di cancellare quasi completamente la diafonia. Rimane il problema della distanza tra l’utente e l’armadio ripartilinea o la centrale per la parte in rame della connessione, va però via il problema d’interferenza.

L’Italia non fa ancora uso su grande scala del vectoring per dei problemi legali creati dalla regolamentazione di Agcom pensata per impedire un abuso di posizione dominante da parte dell’operatore possessore della rete nei confronti degli operatori che si servono della stessa rete.

In sintesi il MOV (vectoring multioperatore) richiesto dalla delibera 747/13/CONS è di difficile se non impossibile applicazione. Con la recente delibera 348/19/CONS, Agcom ha tolto l’obbligo di attivare il MOV e quindi l’attivazione del Vectoring può teoricamente iniziare.

Al momento solo Tim, in alcune zone, ne ha avviato la sperimentazione.

Ok, e da me…

La Copertura

Aggiornare la rete è sempre difficile, costa e le tempistiche sono alquanto lunghe, si pensi che 1km di fibra costa dai 4000 ai 10.000 euro, vanno poi aggiunti il costo dello scavo, la posa e le licenze per tutto il progetto.

Per verificare la copertura nella tua zona puoi usare i servizi di Tim, FastWeb ed OpenFiber (che vale per tutte le aziende partner come WindTre), ti basta andare sui loro siti, inserire il tuo indirizzo di residenza e vedere i risultati con i tuoi occhi. In Generale per verifica la copertura puoi usare il sito di Fibermap.

Dati teorici ma ufficiali sono consultabili tramite le mappe di Agcom, qui troviamo la mappa dell’Italia e la possibilità di cercare il nostro indirizzo di casa. Ci basterà vedere il colore del simbolico corrispondente al nostro civico (quadrato verde = oltre 100mbps, triangolino rosa = 30-100mbps, cerchio rosso = 0-30mbps), cliccandoci avremo i dettagli sulle tecnologie disponibili e le velocità stimate per la nostra abitazione.

svg+xml;charset=utf

Il Bollino di Agcom

svg+xml;charset=utf

Alcuni portali mostrano anche la velocità ipotetica o una fascia “di garanzia”, altri ti dicono solo la tecnologia con la quale sarai servito, tutti però devono mostrare il bollino colorato corrispondente alla tecnologia corrispondente. Lo stesso bollino deve essere sempre visibile nelle offerte di rete fissa commercializzate dai vari operatori.

Con la delibera n. 35/19/CONS, Agcom stabilisce che gli operatori debbano indicare per ogni singola offerta la tipologia di architettura che viene utilizzata per servire l’utenza in questione. I simboli sono tre: F (Fibra – colore verde), FR (Fibra Misto Rame – colore giallo), R (Rame – colore rosso).

Ad esempio:

  • Fibra (F): tecnologia FTTH, FTTB
  • Fibra Misto Rame (FR): tecnologia FTTN, FWA+, FTTC
  • Solo Rame (R): tecnologia FTTE, ADSL

Offerte Fibra

Sei fra i fortunati che possono attivare la fibra? Informati su SosTariffe (uno dei siti che ti abbiamo consigliato per risparmiare online), in questa pagina, per sapere qual’è l’offerta più conveniente per te.

Segnala

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

blank

La Guerra al CloudGaming è aperta: GeForce Now vs Stadia

blank

Ecco Galaxy Z Flip, il nuovo pieghevole di Samsung