in

IO: l’app che unisce e rivoluziona la Pubblica Amministrazione

Cover

Ormai è quasi pronta all’arrivo che è previsto entro la fine del 2019. Si tratta di “IO” l’applicazione che digitalizza ed unisce molti, se non tutti, i servizi della pubblica amministrazioni portando la noiosa burocrazia nella tasche dei cittadini.

Link Utili:
18AppBonus DocenteSPIDItalia Wifi

Era il 22 Maggio 2018 quando il Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione con AGID annuncia l’arrivo di una applicazione pensata per il cittadino in grado di smaltire inutili file e obbrobriosi intrighi burocratici.

Il nome dell’app è IO ed ora è in fase di closed beta così come previsto dagli obiettivi del Team che punta a rilasciare a tutti l’applicativo entro la fine del 2019.

A cosa serve IO?

IO è la risposta dell’Italia alla necessità del cittadino di aver tutto sotto controllo ed a portata di click. L’applicazione, una volta che i servizi della P.A. si saranno adeguati, ti permetterà di pagare tasse, multe, vedere certificati, visualizzare aggiornamenti sulle richieste invitate, nonché salvare appuntamenti e promemoria per evitare salate sanzioni.

Come funziona IO?

Io Architettura
Una mappa concettuale spiega come funzionerà il nuovo sistema digitale della pubblica amministrazione

Per il cittadino il funzionamento è veloce ed immediato, l’unico requisito per il corretto funzionamento di IO è l’utilizzo di SPID e la compatibilità del servizio da usare con il nuovo applicativo.

Tramite le future applicazioni per iOS ed Android e tramite il Sito Web sarà possibile interfacciarsi con il sistema e procedere con le operazioni necessarie.

Inoltre, IO metterà a disposizione anche una pagina principale per ogni comune d’Italia all’indirizzo io.italia.it/comuneX dove comune X verrà sostituito dal nome reale dell’Ente.

Il sistema dovrebbe essere completamente operativo dal 2022, le applicazioni saranno scaricabili pubblicamente molto presto, Agid pensa di rendere pubblico il tutto entro fine anno.

A che punto siamo messi?

IO attualmente è in fase di Closed Beta, ciò significa che solo alcune persone sono in grado di provare il nuovo sistema.

Partito alla volta di Milano a Marzo 2019 ora IO apre ad alcuni cittadini torinesi che nei prossimi mesi proveranno in anteprima il tutto. Le prossime città non sono state rese note ma sul sito web del progetto è disponibile la “Roadmap” (ovvero i punti già realizzati e da realizzare con le relative tempistiche).

Roadmap Io
Roadmap Io

Al momento non è possibile chiedere l’iscrizione individuale al servizio, la versione d’anteprima negli store è pianificata per il terzo trimestre del 2019 ovvero tra Luglio e Settembre 2019. Se tutto andrà secondo le previsioni del Team per la Trasformazione Digitale ed AGID tra uno-due mesi chiunque voglia potrà chiedere di partecipare alla sperimentazione.

I sistemi compatibili saranno?

Da quello che si apprende sul portale istituzionale il servizio IO è rivolto agli utenti iOS, agli utenti Android e a chiunque abbia la possibilità di accedere al portale istituzionale tramite browser (quindi anche tablet e pc senza discriminazioni di accesso).

I dati rimarranno riservati

Come è giusto che sia. L’applicazione manterrà tutte le comunicazioni confidenziali ed i dati saranno trattati nel rispetto della normativa europea sul trattamento dei dati personali (per capirci, il GDPR). L’accesso all’applicativo è vincolato dall’uso di SPID ed una volta completata l’autenticazione sarà possibile impostare un PIN ed usare gli sblocchi avanzati del proprio smartphone (tipo il Face ID sull’iPhone, le classiche impronte digitali e così via). Sarà possibile cancellare la propria iscrizione ad IO e quindi l’utilizzo dell’applicativo non precluderà in alcun modo l’iter burocratico delle pratiche in sospeso e di quelle future.

Segnala

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...