in

Deep Web: la parte oscura di internet

Molti parlano del Deep Web ma pochi sanno cosa sia, parlano di web sommerso, invisibile con dentro segreti e misteri. Sostanzialmente dicono il vero, però è bene approfondire per capire dove finisce la realtà ed inizia la fantasia.

Il Deep Web: cos’è?

Il Deep Web è una versione estesa e poco conosciuta di internet.
E’ nascosto e (almeno agli inizi) difficilmente accessibile se non tramite programmi specifici procedendo inoltre con le dovute precauzioni.

Per spiegarla facile facile, prendiamo in esempio il classico esempio dell’iceberg.

L’internet che navighiamo è la parte emerga, il deep web è la parte sommersa.

Internet Sommerso?

In senso stretto si, il Deep Web è anche chiamato Internet Sommerso. Si divide in strati (o livelli) dove si possono trovare cose più o meno strane, dall’acquisto di sostanze stupefacenti, a contenuti a luci rosse un po’ troppo spinti, a mercenari, armi e segreti di stato (o presunti tali)

Leggi anche: I livelli del Deep Web

Non si paga in Euro, giusto?

No, troppo facile. Nel Deep Web si paga in BitCoin, una delle ormai diffusissime criptomonete. La differenze rispetto alle valute tradizionali sta nella decentralizzazione delle transazioni, che non essendo gestite da enti unici come le banche ma da reti di computer possono gestire tutto in perfetto anonimato evitando almeno in parte il problema delle bolle speculative.

Leggi anche: Il BitCoin: la moneta del Deep Web

No ma fermo. E la differenza con Google?

Deep Web e Google si differenziano per principio. Mentre Google è un motore di ricerca, e come tale serve per trovare siti internet tracciabili ed ovviamente visibili da tutti (più o meno), il Deep web invece è in qualche modo isolato, i siti non si trovano tramite una ricerca e quindi non sono così semplici da individuare.

Altra particolarità riguarda i nomi dei siti: mentre l’internet classico usa i dns per trasformare gli indirizzi macchina in domini comprensibili per l’essere umano applicando le estensioni nazionali o generiche (es. .it, .com, .net, .org), il deep web usa una rete a cipolla dove tutto è disponibile perchè altri sistemi hanno individuato in passato il sito che vogliamo visitare, niente dns, niente estensioni fatta eccezione del mitico .onion

Leggi anche: Le differenze del Web Sommerso: la ricerca qui non è semplice

Come si entra nel Deep Web?

L’accesso al Deep Web è possibile attraverso alcuni software particolari, il più famoso è TOR, un browser che permette di risolvere i già citati .onion

Leggi anche: Deep Web: accesso, analisi e ricerche

Ma qualche caso famoso proveniente dal Deep Web

Ne parleremo in maniera approfondita in un futuro specifico articoli. Solo un anticipazione, hai mai sentito parlare di WikiLeaks ed Anonymous?

Leggi anche: Alcuni casi (famosi) di Deep Web


Questo articolo fa parte di Pillole di Tecnologia: Deep Web

Leggi subito gli altri articoli della rubrica:

  1. Deep Web: la parte oscura di internet
  2. I livelli del Deep Web
  3. I BitCoin: la valuta del Deep Web
  4. Deep Web e TOR: l’accesso alla rete sommersa
  5. La ricerca: una cosa (non) molto scontata nel Deep Web
  6. Alcuni casi (famosi) di Deep Web

 

Segnala

Cosa ne pensi?

0 punti

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

Windows 8.1: il primo aggiornamento

Come resuscitare un computer