in

Ecco come chiamare da fisso comodamente da smarphone o PC

Finalmente sono riuscito a realizzare il mio sogno nel cassetto, ovvero riuscire a rispondere alle chiamate sulla linea fissa di casa tramite computer o smartphone. La comodità è davvero unica, si realizza grazie alla tecnologia voip e tramite i nuovi strumenti messi a disposizione da Tim per regolamentarsi alla delibera AgCom 38/18/CONS con la quale  de facto permette la scelta all’utente sul modem da utilizzare nella propria rete. Per rendere tutto questo possibilmente, ovviamente non potevano non mancare nelle configurazioni anche i parametri VOIP.

Requisiti:

  • Una linea fibra TIM
  • Uno Smartphone, un Tablet o un Computer dove installare Zoiper 5
  • Un Computer Windows o MacOS dove poter eseguire qualche operazione da Terminale

Risultati da Ottenere:

- Annuncio Sponsorizzato -
  • Usando Zoiper dal dispositivo scelto avvieremo una chiamata ad un numero a nostra scelta sulla quale arriverà una ovvia notifica di chiamata con identificativo il nostro numero di casa TIM

Attenzione, devi ricordarti che:

  • I parametri di connessione che genereremo sono personali, contengono password. Non vanno condivisi con nessuno.
  • Dai primi test, sembra che la procedura funzioni solo se il dispositivo è connesso con il wifi della corrispondente linea tim.
  • La guida funziona anche con altri operatori, dati i parametri del operatore terzo utilizzato basta reinterpretare la seguente guida con i nuovi dati

Prima di iniziare: che cos’è la tecnologia VOIP?

Se stai leggendo un tutorial come questo probabilmente già sai cos’è la tecnologia VOIP, ma se sei capitato qui per caso, ecco la risposta alle tue domande.

La tecnologia VOIP è un insieme di protocolli che rende possibile effettuare una chiamata tradizionale tramite internet senza passare per la vecchia linea analogica. L’acronimo sta per Voice Over IP e sulle reti in fibra è già attiva e disponibile in quanto, almeno di consueto, linea analogica e fibra non sono proprio compatibili.

Con la VOIP è possibile, oltre alle chiamate, virtualizzare POS (i punti dove si va a pagare nei negozi con carta di credito o debito) ed addirittura i FAX.

Iniziamo: otteniamo i parametri da utilizzare

Dal 1 Dicembre 2018 (per i nuovi clienti) e dal 31 Dicembre 2018 (per i già clienti) gli operatori telefonici in ottemperanza alla delibera Agcom sul modem libero dovranno fornire anche i parametri VOIP per permettere una corretta configurazione dei modem di terze parti. Molti operatori si sono già adeguati alla delibera, non appena ci saranno ulteriori informazioni questa guida verrà aggiornata con i link alle pagine del supporto di tutti i principali operatori.

TIM si è già regolamentata infatti è già stata pubblicata una pagina dalla quale è possibile riscontrare le indicazioni dell’azienda sul corretto funzionamento dei modem non forniti da Tim. 

Nella documentazione sopracitata se si entra nella scheda relativa ai servizi VOIP viene citato uno strumento che consente proprio l’estrapolazione dei dati che ci servono. 

Colleghiamoci sulla pagina e contattiamo Tim aprendo una segnalazione con la dicitura “Parametri TIM per modem generico”  indicando un numero di cellulare.

Tim dovrebbe fornire due righe di testo, la prima contenente la sip key, una sorta di password e la seconda contenente il dominio del proxy di uscita voip

Scarichiamo Zoiper

Zoiper è un software aziendale a pagamento. Per nostra fortuna viene fornito anche in versione gratuita dove però mancano tutte le funzioni più interessanti che però non interessano agli utenti domestici. Rechiamoci quindi sul sito se stiamo utilizzando un pc e clicchiamo su Download per ottenere il software gratuito. ed infine procediamo alla sua installazione.

Da smartphone o tablet invece è possibile installare Zoiper dai vari store:

Prima della configurazione però elaboriamo i parametri VOIP ricavati in precedenza.

Durante la configurazione sulla mia rete ho avuto qualche problema che sembra essere collegato col fatto che il “sito web” fornitoci in precedenza non risulta essere raggiungibile perché il computer non riesce a tramutare il “nome” in un indirizzo ip. In questa mini sezione andremo ad ottenere l’ip del nostro outbound proxy.

Mi sono venuti in soccorso i ragazzi de “il Punto Tecnico” nel quale è presente una discussione sulla autenticazione voip di tim, nei messaggi è spiegata l’interpretazione del outbound proxy e della sua corrispondenza in indirizzo ip.

L’articolo è dell’anno scorso e dove loro parlano di Script Python noi ora possiamo parlare dello strumento di Tim dalla quale abbiamo estrapolato i dati.

L’outbound proxy è del tipo: dxxyz.co.imsw.telecomitalia.it dove:

  • la d è fissa
  • le x sono il secondo ed il terzo numero del prefisso telefonico (non internazionale)
  • la y è l’area geografica della linea telefonica
  • la z è il numero della regione in cui risiede il server

Aggiungiamo “_sip._udp.” al dominio del sito web che abbiamo trovato in precedenza,
ottenendo così _sip._udp.dxxyz.co.imsw.telecomitalia.it (ovviamente dovremo mettere il nostro dominio e non quello generico qui specificato).

Apriamo il CMD di Windows, il Terminale del Mac o di Linux ed eseguiamo i seguenti comandi:

nslookup
> server 85.37.17.58
> set q=srv
> _sip._udp.dxxyz.co.imsw.telecomitalia.it

ovvero, usiamo i server dns (set q=srv) della TIM (85.37.17.58) per tramutare correttamente i domini in indirizzi ip ed analizziamo il relativo ip del nostro dominio (l’ultima riga).

Otterremo una risposta del tipo:

Non-authoritative answer:
_sip._udp.dxxyz.co.imsw.telecomitalia.it   service = 20 0 5060 bkczs01xxxxxxxx.co.imsw.telecomitalia.it.
_sip._udp.dxxyz.co.imsw.telecomitalia.it   service = 10 0 5060 nat01xxxxxx.co.imsw.telecomitalia.it.

scegliamo quello con priorità minore (service = 10 nel caso sopracitato) e procediamo con i seguenti comandi:

set q=a
> nat01xxxxxxx.co.imsw.telecomitalia.it

otterremo una risposta del tipo

Server:      85.37.17.58
Address:   85.37.17.58#53

Non-authoritative answer:
Name:   nat01xxxxxxx.co.imsw.telecomitalia.it
Address: x.x.x.x

annotiamo quindi “x.x.x.x” con i valori trovati ed andiamo avanti.

Procediamo (finalmente) alla configurazione di Zoiper

Da Telefono:
  1. Aggiungiamo un account tramite procedura guida
  2. Alla domanda “Abbiamo un account con username / password” rispondiamo si
  3. Alla domanda “Configurazione Manuale” rispondiamo si
  4. Compiliamo i dati:
    1. Nome Account: libero, scriviamo quello che vogliamo
    2. Dominio: telecomitalia.it
    3. Username: numero di telefono fisso con prefisso internazionale annesso
    4. Password: la sip key trovata all’inizio
    5. Chiamante: vuoto
    6. Autenticazione Nome Utente: come username
    7.  Usa Outbound Proxy: SI
    8. Outbound Proxy: l’ip trovato alla fine
  5. Clicchiamo su Registra ed attendiamo lo status di OK.

Da Computer:
  1. Prima Zoiper
  2. Ci verrà chiesto se vogliamo pagare la licenza pro o se vogliamo continuare in free, clicchiamo su free
  3. Sulla schermata di login mettiamo come nome utente il nostro numero di telefono con prefisso internazionale, come password la sip key
  4. Sul dominio singolo mettiamo telecomitalia.it
  5. Facciamo click su Optional e spuntiamolo, l’autenticazione avviene con nome utente il nostro numero di telefono con prefisso internazionale e come Outbound Proxy l’ip che abbiamo trovato negli ultimi passaggi
  6. Aspettiamo che il programma verifichi la disponibilità del server e verifichiamo che “Sip UDP” così come da specifiche sulla pagina di Tim sul Modem Generico diventi verde, le altre dovrebbero rimanere in rosso
  7. Zoiper uscirà dalla fase di configurazione, nella nuova finestra avremo un check verde con il nostro numero di telefono se tutto sarà stato configurato a dovere

La nostra prima chiamata in VoIp con Computer o Smartphone

Ora che abbiamo fatto tutto questo putiferio per non alzarci dal divano o dal letto (scherzo, ovviamente) vediamo se il tutto funziona.

Prendiamo il computer ed il nostro telefono, digitiamo il nostro numero di cellulare dal tastierino numero di Zoiper sul computer e vediamo se il cellulare inizia a squillare. Se è così, tutto è riuscito e sarà possibile ricevere chiamate.

Con il cellulare ora prova a chiamare a casa, se il computer manda una notifica allora saremo in grado di ricevere le chiamate di casa sul nostro computer.

Per provare a validare il tutorial con il cellulare prendi un secondo cellulare e ripeti il test con le opportune modifiche.


Ecco, è tutto. Ora la tua linea di casa è completamente digitale.

- Annuncio Sponsorizzato -

Segnala

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...