in

Perché Amazon (e gli altri e-commerce) non spediscono?

Il problema non riguarda soltanto Amazon, ma tutti i negozi che vendono prodotti online. L’emergenza del Coronavirus ha paralizzato tutto, ma perché?

Avrete fatto caso che nella home page di Amazon, nel banner in alto, si parla proprio di questo.

La stessa cosa la potete notare anche su tutti gli altri siti e-commerce.

Ci sono delle differenze: chi spedisce solo un tot di ordini al giorno, chi non garantisce brevi tempi di consegna, chi non consegna proprio, ecc.

La nota ufficiale di Amazon

Con una nota ufficiale, Amazon, negli scorsi giorni, ha dichiarato di voler dare la precedenza a beni di prima necessità, e rallentare le spedizioni, per garantire la salute dei propri dipendenti. Beh, hanno ragione. Pensate a quante persone lavorano nei magazzini Amazon, affinché voi possiate ordinare un prodotto quest’oggi, e riceverlo già domani (se siete beneficiari di Amazon Prime).

Voi avete ragione, ma…

Avete ragione a pensare che la maggior parte di questi magazzini sono tutti automatizzati: robot che prelevano i prodotti dagli scaffali e li mettono sui nastri trasportatori; il sistema informatizzato di Amazon che elabora tutte le migliaia di ordini ricevuti ogni giorno, ma comunque ci vuole una parte di controllo umano.

Ricordiamoci che i servizi di assistenza super-immediati di Amazon sono gestiti da esseri umani. Se si verificassero problemi con le spedizioni, e ci fossero la necessità di resi, sostituzioni, ecc. ci vogliono comunque delle persone per gestire tutto ciò! Rallentando le spedizioni, di fatto, si evitano molti problemi, e si possono far lavorare meno dipendenti e più in sicurezza, in modo da rispettare tutti i provvedimenti messi in atto dal governo per sconfiggere l’emergenza.

Perché veramente TUTTI dobbiamo rispettare i provvedimenti presi dal governo: che ci piacciano o meno. Quei provvedimenti servono per farci tornare alla normalità il prima possibile.

Avete ragione nel pensare che, se non possiamo uscire di casa, gli store online diventano fondamentali! Un vero e proprio bisogno di prima necessità! Se si potesse ordinare tutto da casa, allora sarei incentivato a non uscire. Questo perché posso comprarmi libri, cyclette, e altri strumenti che mi possano aiutare durante questo periodo.

Ricordatevi però di 2 cose: Tutte le spedizioni, in tutto il mondo, sono rallentate per le cause legate al virus, e i magazzini si stanno svuotando. Non è solo colpa dei corrieri, ma anche delle aziende che producono quello che vogliamo ordinare. Stiamo vivendo una situazione di emergenza. Nessuno si sarebbe mai immaginato che potesse accadere tutto questo. La salute prima di tutto. Quindi pensate VERAMENTE alla salute di tutti gli esseri umani, e non solo a quella di chi vi fa comodo. Ordinare un libro non vi è indispensabile: c’è Amazon Kindle. Prima di fare “click” su “ordina” pensateci.

Segnala

Scritto da Michele Falcomer

"Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere". Con questa citazione di Enzo Ferrari, vivo la passione per la tecnologia, i videogiochi e il mondo dello sport, sapendo che si vive una volta sola!

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

lg60 thinq

LG: Addio gloriosa serie G

syy94oqzomw

Videogames: le uscite di Aprile 2020