in

Ko-fi VS Patreon

Ko-fi e Patreon sono delle piattaforme che permettono ai Creators (artisti, scrittori, cosplayer, ecc.) di condividere i loro lavori e se apprezzati vengono remunerati dai lori fans.

2 piattaforme apparentemente molto simili ma con qualche differenza.

- Annuncio Sponsorizzato -

PATREON

 blank

Patreon è di certo la piattaforma più conosciuta e seguita.
L’iscrizione al sito è completamente gratuita e i creators possono condividire i loro contenuti pubblicamente o in esclusiva tramite dei Tiers (livelli), ad esempio:

Da 1$ di donazione hai selfie esclusivi.

Da 5$ di donazione hai immagini esclusive.

e così via!

Su patreon i fans che finanziano i loro artisti preferiti vengono chiamati patrons (tradotto: patroni – benefattori) i quali quando scelgono il Tier che fa per loro poi viene rinnovato ogni mese, dunque come se fosse un’abbonamento mensile.

KO-FI 

blank

Ko-fi è stata la grande novità di quest’anno!

Venuto fuori dal nulla, ha fatto molto parlare di sé e sta prendendo piede sopratutto tra i piccoli artisti.
L’iscrizione è sempre gratuita, ma gli artisti possono solo condividere contenuti pubblici e se apprezzati possono ricevere dei Coffee (1 Coffee = 3€), in poche parole delle donazioni.

KO-FI GOLD

Da poco meno di 3 mesi ko-fi ha introdotto ko-fi gold, che permette agli artisti, pagando 6$ al mese, di:

– Mettere contenuti esclusivi solo per i donatori

– Cambiare da Coffee a Beer, Tea, pizza, ecc.

– Impostare un prezzo diverso

– Ricevere i pagamenti ogni mese (Abbonamento mensile)


CONCLUSIONE

Patreon rimane ancora la piattaforma più consigliata per i creators essendo più seguita, ma ko-fi non è da prendere sotto gamba, alcuni la preferiscono essendo meno “stressante”.
Non consiglio invece di fare l’upgrade a ko-fi gold in quanto su patreon ho le stesse funzioni ma gratuitamente, piuttosto conviene aprirsi un’account in entrambe le piattaforme e tenere dunque patreon per gli abbonati e ko-fi per qualche donatore occasionale.

- Annuncio Sponsorizzato -

Segnala

Scritto da Larissa Antoni

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...