in ,

Come nascono i videogiochi Indie

Cropped Idea1.jpg

Cosa spinge il settore dei giochi indie? E perchè ha ancora senso? Reduci dal Campus Italia Party, vi riportiamo il talk di Marco Mazzaglia, dal titolo “Undici anni di montagne russe”, nel quale abbiamo analizzato i concetti nell industria del videogioco!

Marco Mazzaglia non ha bisogno di molte presentazioni: ha partecipato allo sviluppo di videogiochi come Forma 8 e Last Day of June. Mentre il progetto al quale attualmente sta lavorando è Adventure of Lolo, che uscirà in esclusiva per gli abbonati al Nintendo Switch Online.

Fare o non fare, non esiste provare

Star Wars V: l’impero colpisce ancora, Yoda

Link Utili:
Chi è Marco MazzagliaItalia Campus Party

L’inizio

Certamente ognuno ha la propria storia, ma quella di Marco mi ha molto affascinato. Tutto inizia con un colloquio per una qualche azienda. Sempre. Marco ci suggerisce di mettere in evidenza, non solo tutte le nostre competenze (che possono essere lette sulla carta del curriculum), ma anche le nostre passioni. Quello che ci ha spinto ad arrivare fin dove siamo arrivati. Perchè la passione è il motore di tutte le cose che facciamo nella vita: e trovare un lavoro, che ci tenga vicino alla nostra passione, credo possa dare un senso di realizzazione di se stessi inarrivabile. Superato questo ostacolo, si entra in azienda. Per Marco, è Milestone.

L’esperienza

L’importante, nel settore dello sviluppo videoludico (ma non solo) è fare esperienza. Prima di affrontare progetti per conto proprio, è necessario fare esercizio con chi è già nel settore da anni, per poter assumere altre competenze e sicurezze. Insomma: bisogna mettersi in modalità spugna, e assorbire tutte le conoscenze possibili e immaginabili. Il processo produttivo di un videogioco non è cosa banale. Anzi, è molto più particolare di quanto possiate immaginare! Sappiate che ci sono molti modelli di business, in via di sviluppo, che vogliono estendere il processo produttivo di un videogame alla produzione di software in generale. E poi ci vengono a dire che un gioco è solo un gioco!

Idea2

Entrare in una multinazionale significa lavorare con persone tutte diverse, e imparare da culture diverse! Che questi siano modi di pensare, modi di approcciarsi ai problemi, modi di trarre conclusioni: solo con il confronto si cresce!

L’entusiasmo

Dopo essere entrato in una grande azienda come Milestone, Marco ha imparato tantissime cose di questo mondo. In primo luogo la differenza tra soddisfare un cliente e soddisfare un pubblico: entrambe sono difficili, e si fanno in modo completamente diverso. Bisogna considerare chi ti trovi davanti, e a chi vuoi rivolgerti! Il motto, in questo caso, è quello del playtesting: “Il mio gioco diverte tutti?”

Altri concetti che Marco ha imparato in azienda sono quelli del disaster recovery e l’importanza dei backup, perchè non si sa mai che un giorno salti tutto in aria, o qualcuno decida di fare il birichino. Potrei continuare con un elenco infinito, ma da questo fatto dobbiamo capire come non si smetta mai di imparare. Quando si pensa di aver appreso a fondo un qualcosa, c’è sempre un altra novità da apprendere. Perchè il mondo del 2019 viaggia alla velocità della luce. E per far ciò ci vogliono molti stimoli ed entusiasmo, al fine di non sentirsi mai completamente appagati. Bisogna sempre aver fame!

Idea3

L’indiependenza

Si arriva al punto in cui uno sviluppatore vuole dar vita ad un proprio progetto, e non lavorare sempre a quello degli altri. La soluzione è quella di trovare dei pazzi furiosi che vogliano lavorare alla stessa idea, e lanciarsi nello sviluppo di un videogioco senza i sostegni economici di un editore. Questo significa una sola cosa: chi fa da se, fa per tre! Si tratta di una sfida nella sfida: realizzare un idea, senza aiuto di esterni, e farle avere successo. I risultati dovranno essere sempre gli stessi di una grande azienda, ma con una forza economica diversa!

Ora tocca a voi

Vi siete mai cimentati nella realizzazione di un progetto personale da soli? Se siete in dubbio sul cominciare o meno, il consiglio è: FATELO! Comunque vada ne trarrete solo dei vantaggi. Vantaggi non solo in termini economici, ma anche di crescita personale! Sull internet di questo millennio, trovate risorse di ogni genere per avere tutto quello che vi manca, a partire da videocorsi e tutorial. L’unico ostacolo potrebbe essere la lingua inglese: perchè (purtroppo, o per fortuna) in inglese si trova di tutto e di più. Ma esistono milioni di strumenti in grado di ovviare anche a questo problema! 🙂

Segnala

Scritto da Michele Falcomer

"Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere". Con questa citazione di Enzo Ferrari, vivo la passione per la tecnologia, i videogiochi e il mondo dello sport, sapendo che si vive una volta sola!

Cosa ne pensi?

0 punti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...