Come di consueto la fine di ottobre per Apple non è un semplice passaggio di fuso orario ma è anche un momento, seppur secondario visti i classici Keynote di settembre a cui siamo abituati per presentare la seconda ondata di prodotti che vanno ad arricchire una gamma di dispositivi già ampia e vasta.

Dopo i nuovi iPhone Xs, Xs Max ed Xr, Apple presenta i nuovi iPad Pro che vanno a completare la lineup già rinnovata con gli iPad di sesta generazione presentati nel 2017. Sul reparto MacBook e Mac ora troviamo la lineup rinnovata con l’aggiunta del nuovo MacBook Air che va ad affiancare il Macbook Pro aggiornato quest’estate insieme agli iMac Pro che verranno affiancati dal fratellino minore, il Mac Mini.

Per questo articolo vi propongo un breve pensiero introduttivo sulle novità implementate, una rapida spiegazione delle migliore fatte e un listino prezzi aggiornato.

iPad Pro ed Apple Pencil 2

Il nuovo iPad Pro non mi ha entusiasmato un granché però le novità ci sono ed alcune di essere le ho comunque apprezzate davvero molto. I dispositivi sono due: un iPad da 11′ e uno da 12,9′. La memoria di archiviazione arriva fino alla capienza massima di un terabyte. Viene ridisegnato lo schermo del tablet riducendo le cornici ed introducendo il face id. Viene rimosso il tasto home a favore della tecnologia di sblocca e di una migliorata esperienza di utilizzo data dalla libertà di rotazione. Il processore è il chip A12X che come ribadito dalla stessa Apple rende iPad uno dei dispositivi più rapidi e reattivi sul mercato in grado di battere addirittura la maggior parte dei dispositivi portatili. 

La vera chicca secondo me è l’abbandono della porta lightning, ora la connettività si adatta allo standard type-c, questa potrebbe essere davvero la killer feature di Apple e magari potrebbe delineare qualcosa per i futuri iPhone, chissà, lo sapremo appena a settembre 2019. La nuova porta usb, con un cavo venduto a parte, permette di ricaricare gli iPhone, bello vero?

Apple Pencil non cambia molto, non si ricarica più con il tappino ma basterà agganciarla magneticamente al nuovo iPad (il che la rende non compatibile con i vecchi iPad Pro e con il fratello minore iPad di Sesta Generazione). C’è una funzionalità in più, che personalmente avrei introdotto in maniera differente – magari basandomi sui pennini dei Surface – con un doppio tap diventa possibile cambiare strumento riducendo così il tempo per passare ad esempio da penna / matita a gomma. Accennavo ai pennini della concorrenza: loro funzionano come una normale matita, si gira, si tocca e si cancella. Il doppio tap secondo me è davvero una perdita di tempo.

Concludo accennando ai display, rinnovati e migliorati grazie all’introduzione del Liquid Retina già visto sugli iPhone Xr. La densità di Pixel è di 264 ppi, la gamma cromatica è la P3 estesa e avvalorati con la tecnologia truetone che cambia in modo dinamico il punto di bianco in modo da infastidire meno gli occhi.

MacBook Air e Mac Mini

Me li aspettavo ma in modo decisamente diverso. MacBook Air si evolve, anzi si rivoluziona ma non mantenendo la fascia di prezzo che avrei voluto vedere. Stesso discorso per Mac Mini, ottiene una bella svecchiata ma l’utenza di riferimento probabilmente non è più quella di una volta. I passi in avanti ci sono, sono stati fatti ed in ogni caso rimangono eccezionali.

Mac Mini: potenza e versabilità in spazi ridotti

Mac Mini parte da processori quadcore ed arriva ai nuovi processori esacore di ottava generazione. La ram è parte da 8gb ed arriva a 64, l’archiviazione parte da 128gb ed arriva ai classici 2 terabyte. Sono poi presenti quattro porte thunderbolt 3 usb-c e due prese usb di terza generazione. Non manca la porta hdmi e non manca il cavo jack, rimosso invece dagli iPad Pro e dagli iPhone. Ah, dimenticavo, la presa ethernet è presente ed ora è compatibile con i 10gbps.

Macbook Air: il computer “middle-cost” svecchiato e potenziato

Macbook Air 13′ con Retina (specifico perché rimane in vendita il modello ormai vintage da 13′ non retina) si dota ora di tastiera a farfalla di terza generazione, di touch id (ma non di touchbar), di nuovi processori e di una nuova ram ed ssd veloci e performanti. Parliamo in ordine di Intel Core i5 dualcore, 8gb di ram espandibili a 16 e di harddisk ssd da 128gb espandibili (in fase di acquisto) fino ad 1.5tb. Il comparto grafico è servito da una Intel UHD Graphics 617.

Lo schermo, vera rivoluzione insieme al rinnovato design è un Display Retina da 13,3 pollici con tecnologia ips avente risoluzione nativa pari a 2560×1600 a 227 pixel.

Piccola chicca forse non nota a tutti: per chi volesse garantire maggiore sicurezza per il proprio acquisto Apple ore mette a disposizione Apple Care+ che va a sostituire il vecchio Protectional Plan. L’estensione della garanzia è sempre di tre anni ma viene aggiunta la riparazione con franchigia di due danni accidentali.


Costi e Specifiche:

Costi dei nuovi iPad Pro:

  • iPad Pro 11′
    • 64gb Wifi: €899
    • 64gb Cellular: €1069
    • 256gb Wifi: €1.069
    • 256 gb Cellular: €1239
    • 512gb Wifi: € 1289
    • 512gb Cellular: €1459
    • 1tb Wifi €1729
    • 1tb Cellular: €1899
  • iPad Pro 13” 
    • 64gb Wifi: €1.119
    • 64gb Cellular: €1.289
    • 256gb Wifi: €1.289
    • 256 gb Cellular: €1.459
    • 512gb Wifi: €1.509
    • 512gb Cellular: €1.679
    • 1tb Wifi: €1.949
    • 1tb Cellular: €2.119
  • Opzionale: Apple Care+ (due anni di garanzia, copertura per due danni accidentali): €139
  • Opzionale: Apple Pencil 2th Generation: €135
  • Opzionale: Smart Folio per Ipad Pro: €119
  • Opzionale: Smart Keyboard Folio per Ipad Pro: €219

Costi dei nuovi e vecchi Macbook Air:

  • Nuovo Macbook Air 13” configurazione con 128gb ssd: €1379
    • Ram a 16gb: +240€
    • SSD a 256gb: +250€
    • SSD a 512gb: +500€
    • SSD a 1.5tb: +1.500€
  • Nuovo Macbook Air 13” configurazione con 256gb ssd: €1629
    • SSD a 512gb: +250€
    • SSD a 1.5tb: +1.250€
  • Macbook Air 13” [vecchio modello] configurazione unica con 128gb ssd: € 1129
    • Processore Intel Core i5 dual-core 2.2GHz (turbo boost a 3.2GHz): +180€
    • SSD a 256gb: +250€
    • SSD a 512gb: +500€
  • Opzionale: AppleCare+ (tre anni di garanzia, copertura per due danni accidentali): €249
  • Novità per Macbook Pro 2018: AppleCare+: €449

Costo dei nuovi Mac Mini:

  • Mac Mini, configurazione con processore quad-core (intel core i3) a 3,6 GHz, archiviazione 128gb: €919
    • Intel Core i7 esa-core di ottava generazione a 3.2 Ghz (TurboBoost a 4,6Ghz): +350€
    • Ram 16gb DDR4 a 2666Mhz: +240€
    • Ram 32gb DDR4 a 2666Mhz: +720€
    • Ram 64gb DDR4 a 2666Mhz: +1.680€
    • SSD da 256gb: +240€
    • SSD da 512gb: +480€
    • SSD da 1tb: +960€
    • SSD da 2tb: +1920€
    • Ethernet: 10gigabit ether (Supporto NBase-T, con connettore RJ-45): +120€
  • Mac Mini, configurazione con processore esa-core (intel core )a 3.0 GHz, turboboost a 4.1Ghz, archiviazione 256gb: €1.269
    • Intel Core i7 esa-core di ottava generazione a 3.2 Ghz (TurboBoost a 4,6Ghz): +240€
    • Ram 16gb DDR4 a 2666Mhz: +240€
    • Ram 32gb DDR4 a 2666Mhz: +720€
    • Ram 64gb DDR4 a 2666Mhz: +1.680€
    • SSD da 512gb: +240€
    • SSD da 1tb: +720€
    • SSD da 2tb: +1680€
    • Ethernet: 10gigabit ether (Supporto NBase-T, con connettore RJ-45): +120€
  • Opzionale: AppleCare+ a 119€

Specifiche Tecniche:

Clicca sul prodotto che vuoi approfondire:

 

 


What's Your Reaction?

Lo Adoro
0
Lo Adoro
Lol
0
Lol
Incredibile
0
Incredibile
Choose A Format
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item

Send this to a friend