in

La grande guida allo streaming

Non tutti sanno che il tempo dei dvd e delle videocassette è finito. Ora per guardare film, serie tv e documentari dovremo avere ben poco: una connessione a internet, un abbonamento ed un dispositivo smart a nostra scelta dove poterci godere la visione.

Cos’è lo streaming?

Per streaming si intende la fruizione di contenuti multimediali, di solito film, serie tv, album e brani musicali. Alcuni di questi contenuti sono disponibili gratuitamente su piattaforme come Youtube o Soundcloud, altre sono fruibili solo dopo aver pagato un abbonamento o il noleggio o l’acquisto del singolo contenuto.

I contenuti troviamo online non sono privi di diritti, come molti dei materiali disponibili in rete infatti sono quasi tutti protetti dal copyright. Il nostro acquisto, noleggio o abbonamento serve proprio a pagare questi diritti i quali vengono devoluti in parte agli autori / attori / registi e così via, in parte in tasse e in parte come commissione alla piattaforma che ha fatto da intermediaria.

La tv in diretta

Tra i vantaggi dello streaming c’è anche la possibilità di guardare in diretta i nostri canali preferiti senza dover necessariamente stare seduti sul sofà in salotto davanti alla televisione. Alcune piattaforme offrono la diretta del proprio palinsesto. In Italia i principali emittenti a fornire questo servizio sono Sky, Rai e Mediaset.

Rai e Mediaset permettono con i rispettivi applicativi offrono la visione ad esempio di Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rete 4, Rete 5, Italia 1.

Sky invece permette la visione dei pacchetti che fanno parte del nostro abbonamento, senza alcuna eccezione.

A navigare in streaming, in un certo senso, è la stessa Sky che tramite il nuovo decoder Sky Q Fibra è in grado di offrire il proprio servizio di IpTv (ovvero la visione della televisione tramite internet e quindi senza satellite o digitale terrestre). Gli altri emittenti hanno dismesso il servizio per lo scarso interesse dei relativi clienti.

On Demand

Poi oltre alla ipTV c’è l’On Demand. Non sono la stessa cosa ed è importante conoscere la differenza.

L’OnDemand è la fruizione dei contenuti del palinsesto non sulla base della programmazione del palinsesto ma sulla fruizione su richiesta di quello che, momento per momento, è disponibile nel catalogo dell’emittente.

Questo significa che ci sono emittenti che forniscono contenuti sia in modalità IPTV che in On Demand. Degli esempi li abbiamo citati prima nominando Rai e Mediaset che oltre al palinsesto emettono proprio tutto il catalogo a disposizione tramite le applicazioni Rai Play e a Mediaset Play.

Altri servizi che offrono questo servizio sono molto noti e famosi: Netflix, Infinity, Amazon Prime Video e così via.

Per guardare un contenuto tramite IPTV o in On Demand abbiamo bisogno di una applicazione da installare sulla televisione, sullo smartphone o sul tablet, di un sito web da visitare col computer o di un dispositivo come uno stick, un decoder o un boxset da usare in tutti gli altri casi.

Anche quando ascoltiamo un brano con Spotify, Apple Music, Deezer o Soundcloud stiamo usando un servizio on demand solo che al posto di una serie televisiva, un film o un documentario stiamo scegliendo di riprodurre la nostra canzone preferita.

La definizione dello streaming

Video: SD, HD, 4K UHD, 8K SUHD

Come già molti di voi immagineranno la qualità dello streaming è variabile. La visione migliora a parità della nostra velocità e possibilità di navigazione.

oq957FEG

Quando il player, ovvero il riquadro che contiene il video riporta 144p, 240p, 360p, 480p parliamo di video in definizione standard (SD), la qualità 720p è l’HD-Ready, il 1080p/i è il FullHD. Poi troviamo il 4K (UltraHD) 2160p e l’8K 4320p (Super UltraHD).

Con una connessione ADSL potremo guardare senza problemi tutti i video SD. Per vedere i contenuti HD, UltraHD e SUHD sarebbe meglio avere una connessione in fibra ottica. Presto per le reti mobili navigheremo tutti in 5G, anche se già con il 4G non ce la passiamo proprio malissimo.

Inoltre, oltre alla connessione, dovremo avere un dispositivo compatibile. Se non ne avremo uno potrebbe essere possibile forzare una qualità superiore o inferiore a quella data dal nostro televisore, computer, smartphone o tablet.

Imporre una qualità superiore a quella “normale” significa fare un upscaling di visione, forzare una definizione inferiore quando non è disponibile la relativa codifica significa fare uno downscaling. Le due funzionalità devono essere supportate dal dispositivo e vengono elaborate dal processore o dal scheda grafica con l’aiuto, almeno negli ultimi anni, dell’intelligenza artificiale.

Audio: MP3, FLAC, AIFF, WAFF

Per quanto riguarda le canzoni o comunque più in generale le tracce audio la qualità viene data, tra i vari fattori, anche dai bitrate della campionamento. Più informazioni avremo a disposizione meglio è, dato che la riproduzione avviene in tempo reale queste informazioni devono arrivare in tempo reale.

Il bitrate quindi è la grandezza che indica la quantità di memoria occupata per minuto e si misura in Kbps. Per quanto riguarda l’MP3, uno dei formati audio più diffusi, una buona qualità è data dal campionamento a 320kbps.

L’alta risoluzione per gli audio è data da altri formati audio, tipicamente il FLAC, l’AIFF e il WAV che possono operare fino a 24bit a 192khz. Il formato FLAC è molto particolare perché si comporta come un file compresso che viene decompresso al volo. Questa capacità gli consente di conservare dei metadati, delle informazioni aggiuntive che possono aiutare ad aumentare la qualità della riproduzione. Gli altri due formati sono degli audio non compressi rispettivamente per MacOS e per Windows.

Una piccola curiosità

Vi ricordate i tempi di eMule? Bene, sono morti. Non è più obbligatorio aspettare il download completo del contenuto per vedere cosa stiamo scaricando. I torrent evitano proprio questo problema. Grazie ad un interessante trucchetto possiamo riprodurre subito i contenuti che attualmente sono in download: ci basterà copiare l’url di download del file, incollarlo su VLC e goderci lo spettacolo. La cosa bella, tra l’altro è che VLC funziona sia con gli audio che con i video.

Dove guardare in streaming

film e serie tv

giphy

Se vuoi guardare un film o una serie tv in streaming ti ricordo che qui su PcGenius abbiamo già fatto un articolo dedicato a questo tipo di piattaforme, in ogni caso ti consiglio Netflix, Apple TV Plus e Disney+. I costi per i piani più costosi sono di 16, 5 e 6€ al mese. Quindi 27€/mese e di conseguenza 324€ all’anno.

Come dicevo nell’altro articolo però c’è un grosso vantaggio rispetto agli abbonamenti tradizionali della paytv: non abbiamo vincoli di permanenza, si paga mese per mese.

Potresti prendere in considerazione anche Amazon Prime Video, servizio incluso nell’abbonamento di Amazon Prime dal costo di 36€/anno dove oltre al servizio di streaming video troviamo anche la consegna rapida per gli acquisti nell’ecommerce, promo dedicate ed in esclusiva e molti altri servizi.

Nella rubrica de “Le Prossime Uscite” promuoviamo anche ciò che le piattaforme hanno da offrirci, il filone si aggiorna nei primi giorni di ogni mese. Man mano che le notizie trapelano.

Se hai paura di perderti tra i vari servizi non temere, esiste JustWatch. Si tratta di un sito web e di una applicazione per iOS e Android che ti consente di sapere esattamente dove guardare, noleggiare o comprare una serie tv o un film.

documentari

upside down trailer GIF

Se ti interessano i documentari non puoi perderti i canali tematici sul digitale terrestre e visionabili online sulle relative piattaforme. Alcuni esempi sono Rai Storia, National Geographic, Discovery Channel, History Channel e molti altri.

Netflix, DisneyPlus RaiPlay e Mediaset Play sono i servizi che fanno per te. Gli ultimi due sono gratuiti. Quindi perché farne a meno, no?

Per i clienti Sky consiglio anche Sky Go ed il canale Sky Arte che propone moltissime trasmissioni interessante in tema.

sport e calcio

soccer GIF

Coloro che fossero interessati allo sport e alle partite calcistiche dovrebbero senza ombra di dubbio orientarsi verso Sky o la filiale NowTV.

Sky funziona con impegno di diversa durata, tramite Satellite, Digitale Terrestre Fibra Ottica

NowTv invece è una piattaforma al pari di Netflix ed i vari concorrenti: si guarda tramite smart stick o tramite l’applicazione sulla tv o su smartphone, tablet e browser.

formula 1 cars GIF

Se non vuoi perderti nulla c’è anche Dazn, tra le cose offre 3 partite di Serie A TIM a giornata, Serie BKT, il meglio del calcio internazionale e ora anche MotoGP, Moto2, Moto3 i canali Eurosport 1 HD ed Eurosport 2 HD con il grande tennis, l’Eurolega di basket, il ciclismo e lo sci. Costa 10€, vincolo mensile.

brani musicali e album

headphones jamming GIF by SpongeBob SquarePants

Chi fosse interessato alle canzoni del proprio artista preferito dovrebbe orientarsi verso Apple Music, Spotify e Deezer. Ne sappiamo parlato a sufficienza nell’articolo dedicato ma vorrei fare una piccola precisazione: gli amanti della musica classica ad alta definizione possono provare Qobuz, la riproduzione è garantita fino ai 24bit / 192khz. Il costo però è considerevole, per l’alta qualità servono 25€ al mese o 250€ all’anno.

I concorrenti tradizionali costano 10€ al mese, alcuni di essi meno grazie alle promozioni per studenti. Spotify ed Apple Music ad esempio offrono per gli studenti universitari un abbonamento mensile a 5€ al mese.

Ma non potrei semplicemente guardare un film sui siti pirati e via?

Come si suol dire: viviamo in un mondo libero, sei libero di fare ciò che vuoi ben conscio però che potrebbero esserci anche delle gravi conseguenza.

Le tutela del diritto d’autore è garantita dalla legge 633/41, quello che segue è un estratto dell’articolo art.174-ter

1. Chiunque abusivamente utilizza, anche via etere o via cavo, duplica, riproduce, in tutto o in parte, con qualsiasi procedimento, anche avvalendosi di strumenti atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione, opere o materiali protetti, oppure acquista o noleggia supporti audiovisivi, fonografici, informatici o multimediali non conformi alle prescrizioni della presente legge, ovvero attrezzature, prodotti o componenti atti ad eludere misure di protezione tecnologiche è punito, purché il fatto non concorra con i reati di cui agli articoli 171, 171 bis, 171 ter, 171 quater, 171 quinquies, 171 septies e 171 octies, con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 154 e con le sanzioni accessorie della confisca del materiale e della pubblicazione del provvedimento su un giornale quotidiano a diffusione nazionale.

2. In caso di recidiva o di fatto grave per la quantità delle violazioni o delle copie acquistate o noleggiate, la sanzione amministrativa è aumentata sino ad euro 1032,00 ed il fatto è punito con la confisca degli strumenti e del materiale, con la pubblicazione del provvedimento su due o più giornali quotidiani a diffusione nazionale o su uno o più periodici specializzati nel settore dello spettacolo e, se si tratta di attività imprenditoriale, con la revoca della concessione o dell’autorizzazione di diffusione radiotelevisiva o dell’autorizzazione per l’esercizio dell’attività produttiva o commerciale.

La multe, in sintesi, prevedono:

  • Sanzione Amministrativa (comune) di 154€
  • Sanzione Amministrativa (uso decodificatore): 51.65€ – 2065.83€
  • Reclusione e Sanzione Amministrativa (lucro):
    • Reclusione da 1 a 4 anni
    • Sanzione Amministrativa da 2.582 a 15.493€

Dobbiamo ben tenere presenta una cosa: ciò che troviamo su Internet che ci piaccia o no è protetto dai diritti d’autore, non possiamo fare ciò che più ci piace.

In ogni caso una cosa è guardare un film illegalmente in streaming ed un altra è finanziare la criminalità organizzata pagando il pizzo per la PayTv. É recente la notizia della Guardia di Finanza che ha emesso 223 denunce contro i vari clienti “del servizio” illegale. In questo caso la pena è aumentata, oltre alla confisca dei beni utilizzati c’è anche una multa che può arrivare a 25.000€ e fino a 8 anni di carcere.

Se ti stai quindi chiedendo se lo streaming è legale oppure no la riposta è una sola: dipende. Se hai il diritto a fruire di contenuto non c’è nessun problema, se la visione è clandestina allora a seguito di controlli potresti rischiare ben oltre i 10€ dell’abbonamento.

Come guardare in streaming

Per guardare qualcosa in streaming il mio consiglio è quello di comprarti una bella televisione, di quelle smart interconnesse e di buona qualità.

Questa non è una guida all’acquisto e quindi mi limiterò a darti qualche suggerimento di base: sceglila grande ma non troppo 55 pollici dovrebbero andare bene. Il pannello dovrebbe essere Led, OLED o NanoLED, le ultime due sono migliori ma sono anche un po’ più fragili. Il sistema operativo dev’essere preferibilmente AndroidTV, TizenOS o WebOS. L’importante è che almeno ci siano le applicazioni principali. Per ora niente 8K: nessuno trasmette in questa definizione e il 4K per ora è solo in streaming o in on-demand, almeno purtroppo non ha senso e costa tanto, troppo.

Se vuoi osare l’8K o una top di gamma 4K sappi che i soldi da mettere sono molti, c’è però una buona notizia, se decidi di comprare su Amazon sappi che con la carta di credito o il conto corrente associato ora è possibile anche suddividere il pagamento a rate. Figo vero?

Se non vuoi un televisore ma vuoi solo un decoder, un box-set o uno stick ti consiglio di comprare un Chromecast, un Tim Box se a casa hai una linea fissa TIM, uno SmartStick di NowTv se sei un’abbonato, uno FireStick se ti piace il mondo Amazon Alexa o in alternativa un MiBox se vuoi avere un Android TV Stock perfettamente funzionante.

Personalmente a casa ho un Tim Box e due Chromecast, mi trovo molto bene e nonostante le vecchie televisioni che abbiamo in famiglia riesco comunque a godermi decisamente bene le serie tv del momento.

Leggi anche:
Dove guardare film, serie tv e documentare online
I migliori servizi per ascoltare musica online
Tutto ciò che devi sapere su Chromecast
La nostra recensione a NowTV
Ecco la nostra recensione di Dazn il Netflix dello sport

Riassumendo

Ogni volta che guardiamo una serie tv, un film o un documentario e ogni volta che ascoltiamo un brano, un podcast, un album o un video tramite internet stiamo usando un servizio di streaming multimediale. Se il contenuto è disponibile su richiesta parliamo di On Demand, se invece c’è corrisponde alla fruizione del palinsesto dell’emittente (televisiva) parliamo di IPTV.

Gli standard video sono: definizione standard SD: 144p, 240p, 360p, 480p e 720p ed alta definizione HD, 4K e 8K: 1080p, 2160p e 4320p.

La riproduzione audio avviene con il formati MP3 per la qualità standard e con FLAC, AIFF e WAFF per l’alta definizione.

I principali servizi di streaming video sono: Sky, Netflix, Apple, Amazon e Disney con i propri rispettivi servizi. Se usati in modo saggio possono essere disdetti e rifatti di mese in mese utilizzando letteralmente il termine su richiesta dell’on-demand.

Per lo sport ci sono Dazn, Nowtv ed Eurosport. Nonché ovviamente la Rai che ha comunque accesso a molti diritti di partite calcistiche, di basket e così via.

Per la musica non è possibile non citare Spotify, Apple Music e Deezer ma anche Quobuz che offre streaming musicale ad altissima definizione tramite il formato FLAC.

Tutto questo è accessibile tramite applicazione su smartphone, tablet e a volte anche sulle SmartTV, tramite un decoder proprietario (vedi Sky Q / MySky ecc…) o tramite box-set (come Tim Box, Mibox) o smart tick (Chromecast, Firestick, NowTV Stick).

Guardare qualunque dei contenuti citati fino ad adesso senza un abbonamento è considerata pirateria informatica atta a violare i diritti d’autore. Le pene sono diverse e sono sia penali che pecuniarie.

Concludendo, anche se questo non è un articolo per comprare un smart tv ecco qualche consiglio per sceglierne una: non prenderla 8K è ancora troppo presto, valuta una 4K OLED, NanoLed o in caso LED. Le prime due tecnologie sono più fragili della terza ma sono qualitativamente superiori. I principali sistemi operativi per le tv smart sono AndroidTV, WebOS e TizenOS.

Infine, va detto che possiamo rendere smart anche le tv più vecchie. Il principale requisito è la presenza di un connettore HDMI. Se a disposizione abbiamo anche una presa usb meglio, significa che potremo autoalimentare i dispositivi compatibili. Sono proprio questi dispositivi a fare la magia: parlo degli SmartStick in vendita a poche decine di euro o ai BoxSet leggermente più costosi, alcuni esempi sono i Chromacast, i MiBox, il TIM Box e l’Amazon Fire Stick.

Segnala

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

black laptop computer beside black wireless mouse

Come sfruttare al meglio Windows 10 durante il Coronavirus

oppo cop

Il 5G economico di Oppo