in

Fake news e siti falsi: le tecniche più efficaci per evitare le bufale online

Spesso, sul web, si incorre involontariamente in siti falsi o in fake news, in alcuni casi risultano difficili da riconoscere, ma in altri casi sono ben costruite e con una logica ben definita. In questo articolo vediamo come è possibile evitare di incappare in queste spiacevoli situazioni mediante alcune tecniche e strumenti professionali.

Corona Virus 2019-nCoV | Linee Guida e FactCheking

Comportamenti da seguire:
1. Lavati spesso le mani
2. Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
3. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
4. Compri bocca e naso se starnutisci o tossisci
5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici a meno che siano prescritti dal medico
6. Pulisci le superfici con disinfettante a base di cloro o alcool
7. Usa la mascherina SOLO SE sospetti di essere malato o assisti persone malate
8. I Prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
9. Contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni
10. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

Fatti importanti da sapere:
1. Non farti prendere dal panico, vivi la tua vita normalmente con le dovute precauzioni
2. L’unica mascherina utile è quella filtrante di tipo FFP3 o in caso la FFP2
3. Evita di trovarti in grandi agglomerati di persone, se puoi non andare a fare la spesa nei Centri Commerciali, scegli piuttosto il negozio sotto casa o il supermercato a te più vicino
4. I soggetti a rischio sono i bambini molto piccoli e le persone anziane, il rischio di mortalità aumenta per le persone con malattie pregresse o con sistema immunitario e respiratorio compromesso.
5. Il numero di emergenza da chiamare in alcune regioni è il 112, il numero verde per chi era in Cina ed è tornato da meno di 14 giorni è il 1500
6. I canali ufficiali di riferimento sono quelli governativi e quelli delle forze dell’ordine, se leggi una notizia che differisce da una normativa ministeriale o locale probabilmente è datata o è una fake news.
7. “L’Italia sta vivendo una situazione più critica perché sta cercando i casi più attivamente di altri.” – Ilaria Capua, virologa, direttrice di One Health Center of Excellence dell’Università della Florida

Link Utili:
Sito Ufficiale del Ministero della Salute
World Health Organization

5 consigli per riconoscere le fake news

Non è difficile riconoscere delle fake news, basta guardare i titoli, che nella maggior parte dei casi sono scritti a caratteri cubitali e seguiti da diversi punti esclamativi, e dalle pagine in cui sono state pubblicate, che di solito sono strutturate in maniera pessima e, per ulteriori dubbi, si può verificare l’URL.

Sono cinque i consigli da seguire per riconoscere queste bufale online:

  • controllare la fonte, tramite il sito;
  • approfondire la notizia, verificando che sia apparsa in altre pagine;
  • cercare delle irregolarità visibili, come i titoli o le immagine che accompagnano la falsa notizia, che molte volte sono ritoccate;
  • informarsi su chi scrive, controllando chi sia l’autore degli articoli;
  • controllare la data di pubblicazione, per vedere se può corrispondere al rilascio effettivo della notizia.

La grammatica è di sicuro un altro metodo per riconoscere una bufala online: nella maggior parte dei casi, infatti, questi “articoli” sono scritti in un italiano scorretto, non solo per quanto riguarda la struttura delle parole, ma anche per la punteggiatura errata.

I metodi per riconoscere i siti falsi

Per i siti, il discorso diventa più complesso, e non basta di sicuro verificare lo stato della grafica. Uno dei metodi più sicuri, per vedere se un sito ufficiale è affidabile, è cercarlo nei motori di ricerca, come Google, dove è possibile trovare anche delle recensioni, oppure si può verificare tramite i contatti del sito, che siano e-mail o numeri di telefono. Se non sono presenti, o risultano falsi o inattivi, è meglio segnalare il sito a Google.

Un altro metodo innovativo che suggeriamo è quello di cercare il sito mediante il servizio innovativo fornito da Sito Ufficiale, disponibile a questo link: https://www.sito-ufficiale.com/. Tramite questo portale puoi verificare se l’indirizzo web è realmente quello ufficiale o no.

E’ possibile verificare lo stato di sicurezza di un sito, cliccando sull’icona “sicurezza”, a forma di lucchetto verde, presente nelle barre degli indirizzi, dove è possibile visualizzare lo stato del sito. Basta osservare anche il tipo di connessione, tramite il protocollo “https”, che è noto per essere il più sicuro.

Si può semplicemente verificare l’URL del sito, inserendolo in un sito di controllo, o verificandone la grammatica o simboli presenti, che non dovrebbero essere presenti. Se gli errori di scrittura sono presenti anche nelle pagine di testo dei siti, sulle note o su delle istruzioni per i visitatori, può essere un segnale di allarme.

Non sono dei buoni segni nemmeno gli spot pubblicitari che invadono la pagine. Non è insolito che i gestori di un sito o di un social network inseriscano dei banner pubblicitari nella propria pagina, ma se arrivano a riempire tutta la schermata, o ti chiedono di rispondere a un qualche questionario se si vuole continuare a visionare il sito, è il segno che bisogna togliersi dalla pagina.

Sicuramente, chi acquista via internet vuole sapere se il sito su cui sta comprando è affidabile o meno, e anche qui, se non si trovano dei commenti di chi già ha acquistato sulla pagine, c’è un sistema semplice: si può registrare un numero di carta di credito non corretto, magari cambiando i tre numeri finali della propria carta, e se il sistema del sito la riconosce come affidabile, può significare che il sito non è sicuro (e forse truffaldino). Molti siti come Amazon o eBay, infatti, hanno dei sistemi che possono riconoscere un numero di carta di credito fasullo.

Concludendo…

Non è troppo complicato riconoscere siti e notizie false in rete: basta già guardare la grammatica, o verificare l’URL. Nel caso di truffe, si deve segnalare il sito falso online, alla posta o alla polizia, a seconda dei casi.

Segnala

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

tz87qqk9n58 cxi2tk

19+1 trucchi per scoprire ed evitare bufale e fake news

a8y2nqvovtq mnqjsp

Si può trasmettere da iOS a Chromecast? Si, con Replica.