in

ClubHouse: è la voce ad unire

Ci siamo lasciati alle spalle un anno che per un motivo o l’altro ci ha messo in grande difficoltà. Ha aumentato le distanza, diviso spesso gli animi e creato non pochi disagi.

Ora la situazione sembra essere migliorata solo in parte ma le restrizioni continuano in praticamente tutto il mondo. Per rinascere, sui social perlomeno, serviva una nuova idea e ClubHouse sembra aver trovato una strada non esclusiva ma inedita per alcuni punti di vista: dare alle persone la possibilità di parlare, di incontrarsi e quindi di socializzare.

La voce è quindi il focus di tutto il social: non ci sono post, ne commenti. Solo stanze, come se fossero una chiacchierata informale tra amici o un webinar informativo organizzato da alcuni esperti. Chiusa la stanza tutto sparisce e viene dimenticato.

Il Social al momento è in fase di beta testing ed è disponibile solo in inglese, le altre lingue probabilmente arriveranno ma non è dovuto sapere quando. In ogni caso i contenuti in italiano ci sono perché anche in Italia ci sono degli early adopter che sono riusciti ad entrare nella piattaforma.

Al momento si entra solo con i dispositivi iOS e dunque con un iPhone, un iPod o per compatibilità con un iPad ma l’arrivo di Android è previsto, quindi bisogna solo aspettare.

C’è un velo di esclusività sugli iscritti al social perché si può entrare, sempre per questo primo periodo, solo su invito di un membro già iscritto. Ogni utente può invitarne a sua volta altri due poi non ci sarà più modo di far accedere amici, conoscenti o familiari alla nuova piattaforma.

Bando alle ciance noi di PcGenius siamo riusciti a ottenere un invito e quindi potremo raccontarvi nel dettaglio cos’è ClubHouse, come funziona e darvi un nostro personalissimo parere in merito.

Cos’è ClubHouse

ClubHouse è un’app prodotta da una società chiamata Alpha Exploration Co che ha creato il social a Marzo 2020 per poi pubblicare una beta privata a Giugno ed una beta pubblica a Ottobre 2020. Ora siamo arrivati a Gennaio ed il social è finalmente pronto a decollare.

Clubhouse è un nuovo social basato sulla voce. Quando apri l’app puoi vedere “stanze” piene di persone che parlano, tutte aperte in modo che tu possa entrare e uscire, esplorando diverse conversazioni. Puoi entrate in ogni stanza come un ospite, ma se desideri partecipare puoi alzare semplicemente la mano per segnalare la tua volontà di parlare ai moderatori che possono concerti la parole. Oppure, puoi creare una stanza tutta tua. Clubhouse è un luogo in cui incontrarsi con amici e nuove persone in tutto il mondo, per raccontare storie, porre domande, discutere, imparare e avere conversazioni improvvisate su migliaia di argomenti diversi.

Clubhouse è basata solo sulla voce. Pensiamo che la voce sia un mezzo molto speciale. Senza la fotocamera accesa, non devi preoccuparti del contatto visivo, di cosa indossi o di dove ti trovi. Puoi parlare su Clubhouse mentre pieghi il bucato, allatti, vai al lavoro, lavori sul divano nel seminterrato o vai a correre. Invece di digitare qualcosa e premere Invia, sei impegnato in un dialogo avanti e indietro con gli altri. L’intonazione, l’inflessione e l’emozione trasmesse attraverso la voce ti consentono di cogliere sfumature e formare connessioni unicamente umane con gli altri. Puoi anche metterti o mettere gli altri alla prova avendo conversazioni difficili, ma con la voce spesso c’è la capacità di costruire più empatia. Questo è ciò che ci ha portato al pubblico.

Personalmente concordo con la descrizione che gli autori hanno voluto dare a ClubHouse. Si tratta di un mezzo diverso, molto potente, semplice, diretto e senza fronzoli. Al centro ci sono le persone e la loro sete di socialità.

Trovare delle stanze è molto semplice, gli argomenti predefiniti sono generici ed innumerevoli così da dare a tutti modo di trovare quello che cercano. Se proprio non trovi ciò che desideri niente di vieta di creare la tua stanza, di parlare con nuove persone con la tua stessa passione e di dare il via al qualcosa di speciale.

ClubHouse ha le carte in regole per essere il social dell’anno e di dare il via ad una rivoluzione tra le piattaforme esistenti. Chissà se la decisione di Twitter e Telegram di dare spazio alla voce sia stata solo una mera casualità o se sotto c’è il tentativo di clonare l’idea originale di qualcun altro come già successo tra TikTok, Snapchat e Instagram.

Siamo solo agli inizi, chissà. Posso solo augurare un grosso in bocca al lupo ai developers per il loro progetto e la loro idea.

Come funziona?

Come dicevo ClubHouse al momento è una piattaforma tanto chiusa quanto aperta. Una volta che sei dentro ti ritrovi immerso dalle stanze presenti, sono veramente tantissime anche se in lingua italiana non ne ho trovate facilmente tantissimissime.

L’app

ClubHouse è attualmente un’app disponibile solo per iOS. Per usare il social è quindi necessario possedere un dispositivo compatibile con iOS o iPadOS 13 o successivi.

É possibile procedere al download tramite il badge sottostante

Quando l’app Android sarà disponibile qui vedrai apparire il pulsante per il Google Play Store.

L’iscrizione e gli inviti

Il problema semmai è entrare. Serve un invito da qualcuno che è già dentro. La mia fortuna è stata trovare un gruppo di Podcaster appassionati e curiosi delle novità. Loro hanno voluto organizzare una waiting-list a cui ho partecipato con piacere. Il primo che è riuscito a entrare ha invitato i due successivi, i due successivi hanno invitato i quattro successivi e così via. Quando è arrivato il mio turno ho invitato le prossime due persone e mi auguro che loro abbiano fatto lo stesso.

inviti

Essendo una crescita esponenziale non dovrebbe passare molto tempo prima di vedere gran parte dei nostri amici all’interno del social ma tant’è che per queste prime fasi un po’ di fortuna di capitare al momento giusto devi avercela.

Sembra inoltre che partecipando a stanze o creandone di nuove alcuni inviti extra possano risultare disponibili. Capita spesso inoltre che alcuni misticamente abbiano più di due inviti già di default.

Probabilmente questa fase è più rivolta al marketing che ad altro, come dicevo per creare un po’ di esclusività e mettere il social sulla bocca di tutti.

Missione compiuta!

É ora di iniziare: home, argomenti e calendario

Una sezione che mi ha subito incuriosito più la stanza è la homepage. Questo perché da questa sezione possiamo fare tutto quello che vogliamo. Possiamo creare nuove stanze, ma di questo parlerò dopo, possiamo partecipare a quelle esistenti, possiamo parlare con i nostri amici, cercare degli argomenti in particolare oppure possiamo dare un’occhiata al calendario.

conversation
upcoming

Le due schermate sopra sono l’esplora (a sinistra) e il calendario (a destra).

Esplora: Conversation about?

Nell’esplora possiamo cercare nel dettaglio dei club (che sono dei gruppi), delle persone, delle stanze in particolare oppure possiamo cercare delle conversazioni basate su un argomento in particolare.

Quasi dimenticavo, vedete che ogni argomento ha specificato subito sotto dei sotto-argomenti? Ebbene quelli saranno raggiungibili se tappiamo la categoria principale.

La pagina della categoria include le sottocategorie, delle persone che ClubHouse ritiene interessate come noi all’argomento e dei club.

Calendario: Upcoming for You

Il calendario è invece un elenco di stanze che avranno luogo ad un determinato orario. Esatto, le stanze possono essere programmate, non tutte quindi partono fin da subito.

Non c’è modo di partecipare ad una stanza prima che questa venga aperta. Se tappiamo quindi su una delle proposte future non potremo iscriverci ne tantomeno discutere con le altre persone interessate. Potremo invece seguire il club che organizza l’evento o tutti i relatori qualora avessero creato una stanza in modo indipendente.

La schermata che ci verrà rivelata in sovrimpressione ci consente anche di leggere i nomi dei relatori, la descrizione della stanza, di condividerla fuori dal social – con una particolare attenzione a twitter- di copiare il link o di aggiungere un promemoria al calendario.

Stanze: come partecipare, come funzionano e come crearne una

Le stanze sono il fulcro di ClubHouse e corrispondono ai post a cui i vari social “testuali” ci hanno abituato.

Ruoli

In una stanza possiamo ricoprire uno dei tre ruoli al momento previsti : relatore, moderatore e partecipante.

  • Moderatore (Moderators): quando crei una stanza sei ufficialmente un moderatore, puoi riconoscere chi come te ha questo ruolo per il cerchietto verde con una stellina stilizzata bianca. I moderatori hanno la possibilità di parlare come gli speaker ma possiedono altri vantaggi come la possibilità di aggiungere, mutare e togliere gli altri relatori.
  • Relatore (Speakers): è un relatore è un utente che ha la possibilità di parlare. La persona che crea la stanza oltre ad essere un moderatore è anche un relatore, la seconda persona ad entrare è uno speaker in automatico. Uno speaker può mutarsi, andare e scendere dal palco.
  • Partecipante (Listeners): chiunque entri in una stanza già avviata con più di due persone al suo interno è automaticamente un partecipante. Chi partecipa non ha diritto di parola (quindi il microfono di default è spento), ma può chiedere di parlare alzando la mano.

Tipi di Stanze

Le stanze oltre ad essere categorizzate in argomenti possono essere di più tipi:

  • Stanze Aperte (Open Rooms): si tratta di stanze a cui tutti possono partecipare.
  • Stanze Sociali (Social Rooms): si tratta di stanze a cui possono partecipare solo le persone che segui. I partecipanti possono aggiungere le persone che loro seguono.
  • Stanze Chiuse (Closed Rooms): si tratta di stanze a cui possono partecipare solo le persone che inviti. I partecipanti non possono aggiungere altri membri.
  • Stanze di benvenuto (Welcome Rooms): non sono stanze creabili dall’app. Si tratta di stanze gestite da ClubHouse. Se un tuo contatto si iscrive a ClubHouse, l’app potrebbe chiedervi di partecipare ad una Welcome Rooms. É un buon modo per chiarire i dubbi ai nuovi arrivati.

Come creare una stanza

room new
Schermata di creazione di una stanza
insieme rooms
Schermata di una stanza già avviata a cui ho semplicemente partecipato

Puoi creare una stanza dalla Homepage cliccando sul tasto verde “+ Start a Room”.

Il titolo della stanza viene dato cliccando su “And a Topic”. Il tipo di stanza viene scelto cliccando su Open, Social o Closed che corrispondono alle funzionalità viste poco sopra. Le stanze aperte sono accessibili da tutti, quelle sociali solo dai nostri follower e dai follower dei nostri follower e quelle chiuse invece sono solo su invito.

Creando una stanza diverremo automaticamente relatori e moderatori. I pulsanti a fondo schermo ci consentono di invitare qualcuno che seguiamo nella stanza, di mutarci o di vedere se qualche ospite, alzando la mano, ha chiesto di poter parlare.

La seconda persone ad entrare assumerà automaticamente il ruolo di relatore, dalla terza persona invece verrà assegnato il ruolo di Partecipante.

I partecipanti possono solo ascoltare (e quindi non parlare), invitare i loro amici nel caso di stanza Open o Social e chiedere la parola tramite alzata di mano.

Le stanze open sono disponibili a tutti fin da subito, le stanze chiuse e social invece devono essere “sbloccate” premendo sui tre puntini orizzontali e cliccando su “Let Visitors In”.

Come partecipare ad una stanza

Questa forse è la cosa più semplice, basta andare nella home o in esplora, trovare una stanza di nostro interesse e cliccarci sopra. Entreremo in qualità di partecipanti e per parlare dovremo chiedere la parola. Se non abbiamo nulla da dire potremo semplicemente seguire la discussione quasi fosse un podcast.

I Club: un altro modo per dire Gruppi

Al momento i club sono una funzionalità in fase di rilascio. É Clubhouse a gestire le richieste dei creators e dare loro la possibilità di riunirsi in club.

I Club sono pensati come delle community dove è possibile parlare di determinati argomenti con un numero definito di persone. Essi sono gestiti come dei profili, ne hanno uno loro e possono essere seguiti. Ci sono due ruoli attivi all’interno dei club: gli admin che lo gestiscono e i membri che ne fanno parte.

Un club può organizzare eventi, quando ne fa uno pubblico questo è riconoscibile perché comparirà l’icona di una casetta verde con il nome del club organizzare. I membri non possono creare eventi brandizzati con il nome del loro gruppo.

Pareri a Caldo

Sono molto molto curioso della vostra opinione quindi sappiate che vi aspetto nei commenti qui sotto oppure in chat su telegram o whatsapp (trovate i miei riferimenti nel mio box autore).

Personalmente ho un’ottima opinione su ClubHouse, spero sinceramente che possa divenire un valido sostituto di alcuni gruppi Telegram e di profili/pagine Facebook e Twitter. La socialità riveste un ruolo importante nelle nostre vite ed è bello che sia nata una piattaforma che non sia asettica e legata ai canoni tradizionali di amici (Facebook) e bellezza (Instagram).

Come ho letto spesso in giro ClubHouse poteva nascere solo in un momento di pandemia o di emergenza come quello che stiamo vivendo? Non lo so però de facto ora ci ritroviamo in un contesto dove siamo più propensi a socializzare e a provare cose nuove. ClubHouse si è trovata nel momento giusto e nelle giuste condizioni.

Nel loro portale Notion hanno affermato che presto verranno introdotto svariate novità tra cui un sostegno economico ai creatori. Sembra essere un po’ la strada percorsa da TikTok. Non so dire se questa sia giusta o sbagliata però consentirà al social di crescere, di motivare i Creator e di offrire una certa qualità di contenuti agli utenti che ne fanno parte.

Segnala

Massimiliano Formentin

Scritto da Massimiliano Formentin

Sono sempre stato un appassionato di tecnologia, il mio scopo con PcGenius è condividere questa mia curiosità con il mondo intero. Nella vita faccio anche altro: suono il pianoforte e mi occupo di web.